Maeli Winery House

MAELI WINERY HOUSE, NEL VERDE DEL PARCO REGIONALE DEI COLLI EUGANEI

di federica lago

Tra le colline del Parco Regionale dei Colli Euganei, primo e unico biodistretto del Veneto, dove il territorio è vulcanico, si trova un’incantevole cantina con struttura ricettiva, un’ottima occasione per programmare un weekend alla scoperta del Moscato Giallo Maeli.Siamo a Baone, sulle pendici del Pirio, a 230 metri slm, 14 ettari vitati di vigne anche molto vecchie, su terreni con pendenze ed esposizioni molto diverse che consentono un microclima particolare. Marna, fino ad 11 metri di profondità, e limo, i due elementi che contraddistinguono la cantina, punti di forza dei loro vini, tanto da enfatizzarli anche nel nome scelto per la Cantina Maeli.

La moderna cantina è stata fondata nel 2011 da Elisa Dilavanzo, che grazie ad un incontro fortunato, da venditrice di vini francesi si ritrova coinvolta in un importante progetto di rivalorizzazione del vitigno autoctono di queste zone, il Moscato Giallo, più conosciuto come Fior d’Arancio. Doppia in realtà la sfida, perché oltre a puntare su un vitigno poco conosciuto e valorizzato, lo reinterpreta in forma nuova puntando sulle bollicine, anche Metodo Classico.

Accanto alla cantina, è stata realizzata una elegante Winery House nell’antico e ristrutturato casale, dove è possibile soggiornare tra i vigneti immersi nella natura.Due camere matrimoniali ampie e luminose, con vista sul vigneto e sulla cantina, moderne aree comuni, con l’uso sapiente dei materiali naturali e locali, come la trachite, pietra tipica di queste zone. Il design e le linee minimali, la scelta dei colori, tutto è perfetto!L’ ideale per concludere un weekend di relax, è di scegliere tra uno dei due percorsi di degustazione che la cantina propone: “La Via del Moscato Giallo” ovvero il Moscato Giallo in 5 versioni diverse e “Giallo, Rosa, Rosso” un percorso dal Moscato Giallo ai Tagli Bordolesi passando per le antiche varietà autoctone, un viaggio attraverso i colori del vino, tra vitigni del presente e del passato.

 

 

 

 

maeliwine.com

photo courtesy

Maeli Wine