Cantina pizzolato

architettura e viticoltura sostenibile

di federica lago

Energia pulita, grazie ad un impianto fotovoltaico sul tetto della cantina, 570 pannelli solari installati nel 2107, riduzione degli sprechi tramite impianti di ultima generazione come il depuratore biologico e a basso consumo energetico.

 

Cantina Pizzolato, azienda vitivinicola di Villorba, ha avviato un progetto di riqualificazione degli spazi e nuovi volumi dedicati alla cantina, ridisegnata in chiave ecosostenibile dagli architetti Adriano Marangon e Michela De Poli di Made Associati di Treviso. L’obiettivo era quello di enfatizzare il legame tra l’uomo e la natura, che in questa realtà viene portato avanti del 1991, anno della loro certificazione bio, in tempi non sospetti verrebbe da aggiungere.

 

E proprio di questi aspetti architettonici che vogliano raccontavi di loro.

Uno studio particolare condotto sui materiali, prediligendo il faggio, che proviene dal bosco del Cansiglio a 50 km dall’azienda, tagliato secondo i controlli di Veneto Agricoltura e valorizzato senza sprechi. O l’effetto ruggine dell’acciaio, utilizzato negli spazi esterni, che invecchia ma non si degrada, oltre alla valorizzazione della luminosità naturale, con grandi aperture sulla natura circostante. 

 

Questo progetto ha ricevuto anche riconoscimenti a livello nazionale e internazionale: nel 2018 ha ottenuto il premio “Eccellenza del paesaggio” a Vinitaly, inserito all’interno di “Arcipelago Italia – Progetti per il futuro dei territori interni del Paese” di Mario Cucinella durante la 16° Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, scelto e selezionato tra oltre 500 progetti italiani. Recentemente, il progetto è stato selezionato all’interno della mostra itinerante di Atsuko Ueda 2019 – Tokyo.

Non resta che prenotare una visita guidata in questo tempio del design e del vino, per immergersi in questo affasciante mondo, passeggiando tra i vigneti, anche in bici, degustando i loro vini o visitando la barricaia. Prosit!



lacantinapizzolato.com

Photo credit: Cantina Pizzolato